14 marzo 2013

ADDIO CLIVE BURR

Raggiunge il paradiso dei musicisti, quelli veri, quelli leggendari, quelli che meritano, Clive Burr, ex batterista degli Iron Maiden. Era lui dietro le pelli nei primi tre album della band, purtroppo a causa della morte del padre dovette prendersi un lungo periodo di pausa e al suo ritorno dal quale scoprì che il suo sostituto Nicko Mcbrain era diventato il batterista ufficiale dei Maiden, dovette ufficialmente lasciare la band.
Successivamente suonò con i Trust, i Gogmagog con Paul Di'Anno, i Desperado con Dee Snider e altre band.
Nel 1994 gli diagnosticarono la sclerosi multipla e a causa dei costi elevati delle cure si trovò con qualche difficoltà economica. I Maiden, si mostrarono per quello che sono ovvero dei musicisti ma prima di tutto delle grandi persone con una grande ed immensa umanità. Iniziarono quindi ad organizzare concerti e a partecipare alle serate di beneficenza in favore di Burr a cui poi presero parte anche tantissime tribute band degli Iron Maiden con varie compilation e album di cover. 


Ma purtroppo un giorno di marzo del 2013 ci ha lasciato, ha perso questa battaglia che per anni stava combattendo, ci ha lasciato grandi ricordi ma soprattutto un grande vuoto,  la persona se ne và, muore, ma la musica che ha creato assieme agli altri ragazzi, non morirà mai anzi rimane e vive per sempre da qui al eternità




GRAZIE CLIVE
BLOOD BROTHER








A cura di Michele Puma Palamidessi ( Blackseph)



6 commenti:

  1. [...] purtroppo a causa della morte del padre dovette prendersi un lungo periodo di pausa [...]

    Sicuro che la causa fosse questa? Non ricordo di averlo mai sentito dire, o se sì ho evidentemente dimenticato...boh...ma a me pareva che dovette lasciare perché, anche anni e anni prima che gli venisse diagnosticata la sclerosi multipla, cominciò ad avere problemi fisici vari, a non essere in salute al 100% quasi mai, e quindi di comune accordo fu decisa la separazione perché i Maiden stavano diventando sempre più grandi, tour sempre più lunghi e impegnativi ecc., e la cosa si addiceva male alle sue condizioni instabili appunto.

    Tra l'altro se ti vai a leggere il breve comunicato fatto dai Maiden stessi all'indomani della notizia della sua morte, e che trovi riportato su molte webzine anche italiane, vedrai da solo che anche loro citano esplicitamente il fatto che abbia avuto per quasi tutta la sua vita problemi di salute, culminati poi quando gli viene appunto diagnosticata la sclerosi verso metà anni '90...

    [...] e al suo ritorno dal quale scoprì che il suo sostituto Nicko Mcbrain era diventato il batterista ufficiale dei Maiden, dovette ufficialmente lasciare la band. [...]

    sia come sia, questa seconda cosa che scrivi direi che è di sicuro una cavolata, messa così pare che l'abbiano sostituito quasi a tradimento approfittando della presunta pausa che dici sopra per quel motivo di lutto familiare, cosa che davvero mi risulta ancora meno di quella sopra ripeto.

    RispondiElimina
  2. Come mai nei commenti le lettere accentate appaiono più piccole delle altre? Prova a cambiare tipo di carattere magari e vedere se risolvi, o mantenendo lo stesso ma cambiando qualche impostazione.

    RispondiElimina
  3. le mie citazioni le ho prese da un sito internet, ahimè non ho vissuto quei tempi, ma mi sono informato anche con vari amici e quella del padre dissero che era vero, bisogna approfondirci sopra anche se vabbè ora come ora la cosa interessa fino ad un certo punto, per l'ultima citazione forse ho sbagliato maniera di scriverlo, come hai detto te sembra che lo hanno sostituito a tradimento, vedrò di modificare il pezzo

    RispondiElimina
  4. Che c'entra, nemmeno io e moltissimi altri appassionati che abbiano meno di 45 anni circa, per forza di cose non abbiamo vissuto in diretta ascoltando già hard rock e metal il periodo dei primissimi anni '80, è ovvio. E poi in quei primi anni in ogni caso in Italia non c'era ancora una stampa di settore, anzi non c'era proprio ancora una vera scena del genere, cominciavano a uscire giusto le primissime band hard&heavy ma le contavi sulle dita di una mano, quindi anche essendo per ipotesi già degli adolescenti o più al tempo e ascoltando già il genere con tutti i gruppi esteri, difficilmente avremmo potuto sapere i retroscena di certe cose, sono venuti fuori e pubblicati anni dopo nelle interviste ecc.

    Ma intendevo dire che io non avevo mai letto o sentito dire che il motivo fosse quello lì, cioè per via della morte del padre proprio in quel periodo, e io di riviste fin dai primissimi anni '90 ne ho lette e rilette (ormai da qualche anno prendo invece sempre solo Classix Metal, tanto per le notizie e tutte le cose più di attualità c'è internet) e di storie, aneddoti, retroscena ecc. ne ho appresi quindi a centinaia o migliaia.

    RispondiElimina
  5. Nelle interviste sul dvd "the early years" i maiden (Clive Burr compreso) parlano di allontamento più o meno di comune accordo, sulla base di problemi fisici e stress derivati dalla costante vita in tour (tra le righe io c'ho letto pure "abuso di alcool-droghe").

    Grande batterista, su The Number of The Beast ha fatto cose strepitose!

    RispondiElimina
  6. Appunto, sapevo da sempre anch'io così, per l'inizio dei suoi problemi di salute vari (anche a parte che la sclerosi arrivò anni e anni dopo) e il fatto che si fosse stancato del sempre maggiore impegno, stress e vita da tour di una band sempre più grossa che stava velocemente esplodendo a livello mondiale.

    Abuso di alcool e doghe forse ti confondi più col motivo, oltre a vari altri sempre imputabili alle sue abitudini di vita e carattere, per cui fu cacciato proprio unilateralmente Di'Anno, Clive credo poco o nulla abbia sempre preso di certa roba, soprattutto le seconde, come del resto tutti gli altri componenti.

    RispondiElimina